Messaggio per Renzi e Grillo.

Irlanda, Dublino,

19.11.2013, circa le 7.30am locali …

Mi trovo nella cucina dell’ufficio dove lavoro, appena in tempo per il quotidiano caffè prima di cominciare.

Spacchetto i giornali dei vari paesi europei e butto un occhio su Repubblica (l’unico giornale ad essere sempre datato il giorno di ieri); leggo che Renzi dichiara che se eletto rivolta il partito e il paese (… o qualcosa del genere). Mi dico: “solita battuta ad effetto in clima campagna elettorale!”. Poi comincio il mio turno ed è davvero un giorno pesante con tante grane da risolvere; ma stranamente mentre lavoro mi ritorna in mente quella battuta riportata sul giornale e anche la mia reazione. Non volevo lasciare una prima impressione a se stessa senza rifletterci e quindi mi sono chiesto il perché della mia reazione.

Il motivo si trova in questo messaggio indirizzato a Renzi e per forza di cosa non posso che allargarlo a Grillo.

Questi due nuovi attori della politica italiana si presentano come il cambiamento. Allora vi dico cosa un siciliano per bene di 34 anni intende per Cambiamento.

La mia generazione, specialmente i giovani che vengono dalla terra dove sono originario, è cresciuta con l’esempio di uomini che a servizio delle Istituzioni, nella Politica, nella Libera Professione, in Ambienti Religiosi e nella Società Civile sono stati così coerenti nel vivere e lottare per il Cambiamento che ci hanno proprio lasciato le penne.

Questi grandi Martiri Moderni avevano tutti la stessa cosa in comune: non avevano paura! La loro vita non era fatta di slogan e più che essere contro il marcio, erano così radicali nel vivere e promuovere con i fatti il bene che il marcio ha dovuto liberarsi di loro.

Per favore Renzi, per favore Grillo, dichiarate una volta e per tutte, senza strumentalizzazioni che siete contro quei poteri forti, oscuri (sempre sulla soglia dell’illegalità) e criminali che da 70 anni considerano l’Italia come una torta da spartirsi in pochi, compiacendo agli equilibri internazionali.

Fatela questa dichiarazione, che con voi una volta eletti il banchetto sarà finito!!! … basta una volta sola, e poi programmate un’azione politica e realizzatela.

Perché se la nostra classe politica e forse la peggiore d’Europa il motivo è perché i politici sanno che se non toccano quei poteri una residua fettina della torta spetta anche a loro. Ma loro sono i servi del banchetto. L’obbiettivo non deve essere cambiare la classe politica, quella sarà una conseguenza inevitabile, ma cambiare l’Italia e l’unico modo per farlo è diventare scomodi, scomodi fino al punto di agire toccandoli questi interessi di chi è pronto a eliminarti anche fisicamente per conservarli.

Non credo sia necessario citare uno ad uno questi Martiri che ci hanno lasciato il “metodo dei fatti e della coerenza” … ma fatemi sapere se avete la memoria così corta; io l’elenco c’è l’ho scolpito nel cuore e nella mente.

Perché ci sono i pochi fortunati, molti che lo lasciano questo paese, altri che rimangono resistendo senza piegarsi al compromesso e alcuni che come me staranno una decina di anni all’estero a investire su se stessi per poter così ritornare e darlo un contributo per il vero Cambiamento.

Nel frattempo spero che io e la mia generazione possiamo un giorno vedere almeno un barlume di luce in voi che ci ricordi quella capacità di saper stare a testa alta e con la schiena dritta che hanno avuto e hanno le persone per bene che tutti i giorni sperimentano il Cambiamento, cioè chi davvero è “anti-” e fa una “rivolta” anche nei più semplici atti della giornata …

… ma purtroppo questa gente non fa politica perché ai vostri occhi apparirebbe come se venisse da un altro mondo, come degli alieni.

20.11.2013 ore 1.10am

Saverio Bellante

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.